Talált 120 Eredmények: Costoro

  • Da costoro si suddivisero le popolazioni delle isole delle genti. Questi furono i figli di Iafet nei loro territori, ciascuno secondo la sua lingua, secondo le loro famiglie, nelle loro diverse nazioni. (Genesi 10, 5)

  • gli incensieri di costoro che hanno peccato a prezzo della loro vita siano fatti lamine battute per ricoprire l'altare, perché li hanno presentati al Signore e li hanno santificati; siano un segno per i figli d'Israele". (Numeri 17, 3)

  • Al mattino egli uscì e, stando in piedi, disse a tutto il popolo: "Voi non siete colpevoli! Ecco, sono stato io che ho cospirato contro il mio signore e l'ho assassinato, ma chi ha ucciso tutti costoro? (Re 2 10, 9)

  • Ofir, Avila e Iobab; tutti costoro erano figli di Ioktan. (Cronache 1 1, 23)

  • Le famiglie di Kiriat-Iearim sono quelle di Ieter, di Put, di Suma e di Masra. Da costoro derivarono quelli di Zorea e di Estaol. (Cronache 1 2, 53)

  • Tutti costoro furono figli di Davide, senza contare i figli delle sue concubine. Tamar era loro sorella. (Cronache 1 3, 9)

  • Costoro eliminarono quelli che erano sopravvissuti di Amalec e presero ivi dimora fino al giorno d'oggi. (Cronache 1 4, 43)

  • Costoro erano figli di Abicail, figlio di Curi, figlio di Iaroach, figlio di Galaad, figlio di Michele, figlio di Iesisai, figlio di Iacdo, figlio di Buz. (Cronache 1 5, 14)

  • Essi erano stati aiutati contro costoro perché avevano invocato Dio durante il combattimento ed egli li esaudì, giacché avevano avuto fiducia in lui, e così gli Agareni e tutti i loro alleati furono consegnati in loro potere. (Cronache 1 5, 20)

  • Figli di Beker: Zemira, Ioas, Eliezer, Elioenai, Omri, Ieremot, Abia, Anatòt e Alemet; tutti costoro erano figli di Beker. (Cronache 1 7, 8)

  • Tutti costoro furono figli di Aser, capi di casati, uomini scelti e valorosi, capi tra i principi. Nel loro censimento, eseguito in base alla capacità militare, risultò il numero ventiseimila. (Cronache 1 7, 40)

  • Miklot generò Simea. Anche costoro abitavano in Gerusalemme accanto ai fratelli. (Cronache 1 8, 32)


“O mais belo Credo é o que se pronuncia no escuro, no sacrifício, com esforço”. São Padre Pio de Pietrelcina